PERCHÈ QUESTO VIAGGIO

Questo viaggio nasce dalla necessità di fare qualcosa di diverso: la grande difficoltà oggi nelle persone è proprio quella di darsi la possibilità di cambiare. Io stesso ho rimandato questo viaggio per 25 anni, fino a che ho compreso che controllare tutto è impossibile e che la nostra mente ci mente per giustificare la nostra paura di sperimentare. Così ho iniziato a concedermi il cambiamento.

Nel 2013 sono rimasto senza macchina e per raggiungere i luoghi dove dovevo lavorare non sempre il treno era la soluzione migliore. Mio fratello mi ha regalato il suo scooter 125 per risolvere temporaneamente il problema (non serve la patente A). All’inizio avevo timore a spingermi troppo lontano da casa, fino a che in un solo giorno ho fatto 398 km.
Ogni volta che mi presentavo in luoghi sempre più lontani per fare una normale giornata di lavoro, amici e committenti mi prendevano per matto. Questa avventura “temporanea” è durata 2 anni e mezzo, durante i quali  ho percorso più di 45.000 km in tutte le condizioni atmosferiche.

Oggi sono pronto ad affrontare questa grande sfida.